Commissione 1 – Pubbliche relazioni e gestione sito internet istituzionale: 

Responsabile: Gabriele Panci

la commissione n 1 “pubblichge relazioni” ha l’obiettivo di sviluppare relazioni, mettere in comunicazione il collegio IPASVI con istituzioni, aziende, persone, strutture,

I destinatari della comunicazione possono essere privati cittadini, istituzioni, aziende, organi di stampa, o altri enti.

Lo scopo principale è di sostenere la reputazione del collegio e la divulgazione del suo operato, contribuendo alla creazione di una specifica identità, si occupa di mantenere i rapporti di informazione con gli iscritti al collegio mediante strumenti di divulgazione come media, sito web, social network ecc.

Mantiene e favorisce i rapporti con gli organi di stampa e cerca di creare una rete capillare tra le notizie di attualità di natura professionale e politica con tutti gli iscritti al collegio mettendoli a conoscenza  di tutte le attività intraprese.

email: info@ipasvipo.it 

 

Commissione 2 – Consulenza e indirizzo per tutela legale degli iscritti:

Responsabili: Gabriele Panci, Salvatore Tomaselli

La commissione n° 2 “consulenza legale” si occupa principalmente di tematiche infermieristiche medico legali, sia legate a problematiche correlate ad un singolo iscritto, sia a tutte quelle problematiche che il collegio si trova a dover affrontare in ambito giuridico a diversi livelli.

L’iscritto, in caso si trovi a dover affrontare un contenzioso (di qualunque natura) o a una problematica di natura giuridica, puo rivolgersi al collegio che, dopo un colloquio con i membri della commissione (infermieri specializzati in ambito legale e forense), saranno in grado di analizzare la situazione dell’iscritto, dare un primo parere infermieristico-legale e fissare un’appuntamento con il legale del collegio. il primo incontro con il legale è totalmente gratuito, in seguito, l’infermiere iscritto al nostro collegio, potrà avvalersi dello stesso legale a tariffe agevolate (secondo una convenzione stipulata tra il collegio di prato e lo studio legale).

Oltre alla tutela del singolo socio per ogni questione che attiene la sfera giuridico-legale della professione e della persona, la commissione. affronta le problematiche squisitamente giuridiche che riguardano l’Infermiere; attraverso lo studio approfondito della legislazione e della giurisprudenza sanitaria.

email: consulenzalegale@ipasvipo.it 

 

Commissione 3 – Libera Professione:

Responsabile: Gabriele Panci

La commissione n 3 “libera professione” si occupa della divulgazione, assistenza, e vigilanza sulla libera professione, questa forma di lavoro è ultimamente sempre di più in crescendo e pertanto necessita di un organo all’interno del collegio che possa essere di supporto agli iscritti al collegio che intendano intraprendere questa formula lavorativa.
Si occupa inoltre, del contrasto alla libera professione abusiva vigilando e raccogliendo le segnalazioni pervenute al collegio (in collaborazione poi con la commissione n 2)
Il gruppo di lavoro per la Libera Professione Infermieristica della Federazione nazionale dei Collegi IPASVI ha prodotto un Vademecum, pensato e realizzato con l’obiettivo di fornire agli infermieri che intendono inserirsi nel mondo sanitario come liberi professionisti – o che già esercitano con tale modalità – un facile strumento informativo e di operatività.
Con questo strumento, la Federazione IPASVI e l’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della Professione Infermieristica (ENPAPI), intendono sottolineare ancora una volta l’impegno, soprattutto verso gli infermieri di fresca laurea, per sostenere e promuovere un approccio e un’assistenza libero professionale che si richiama ad un quadro giuridico e deontologico chiaro e condiviso e che utilizza modalità operative e strumenti professionali omogenei su tutto il territorio nazionale.
Nell’attuale panorama contrassegnato da affanno economico e contenimento della spesa sanitaria, la collettività infermieristica intende proporsi come una possibile nuova risposta alle necessità emergenti, attingendo al suo bagaglio cognitivo, esperienziale e valoriale e alle diverse modalità di espressione ed esercizio professionale. In questo quadro, l’esercizio libero professionale può essere inteso come un’opportunità e una sfida per aumentare la compliance dell’offerta sanitaria pubblica, concorrendo all’effettuazione di percorsi di presa in carico olistica dell’assistito, di
cura finalizzati alla risposta appropriata e di qualità ai bisogni di assistenza infermieristica.
Gli infermieri libero professionisti, infatti, possono correlarsi alle strutture del Ssn per arricchire l’offerta sanitaria e per dare risposta alle richieste di interventi integrativi e/o aggiuntivi provenienti dalla collettività.
Il Vademecum si preenta dunque come uno strumento con valenza informativa e operativa fruibile dagli infermieri che intendono svolgere o già svolgono attività libero professionale ed ha lo scopo di:
sostenere gli iscritti Ipasvi che intendono svolgere attività libero professionale, con particolare attenzione agli infermieri neolaureati;
fornire agli infermieri libero professionisti maggiori elementi normativi di utilità e strumenti per l’operatività assistenziale;
suggerire e supportare un comportamento professionale omogeneo sull’intero territorio nazionale;
orientare e sostenere i Collegi provinciali IPASVI:
– nella definizione e gestione dei rapporti con gli infermieri libero professionisti;
– nello svolgimento della funzione di certificazione dei professionisti singoli e aggregati;
– nella funzione d’interposizione intra e inter professionale in caso di conflittualità.
Il Vademecum è stato suddiviso in aree riguardanti:
Norme comportamentali inerenti ai principi generali che i professionisti devono rispettare indipendentemente dalla modalità operativa adottata
Indicazioni legate alle diverse forme di esercizio libero professionale
Indicazioni per la gestione commerciale dell’attività libero professionale, con riferimenti per la determinazione del compenso professionale e per la gestione della pubblicità sanitaria
Aspetti assicurativi e previdenziali previsti per l’attività libero professionale
Indicazioni inerenti la documentazione assistenziale necessaria per un esercizio professionale tutelato e rispettoso delle norme vigenti.
E’ possibile scaricarlo liberamente in formato pdf a margine di questa pagina.
email: liberaprofessione@ipasvipo.it 

 

Commissione 4 – Lavoro Precario e sportello per infermieri disoccupati e/o precari:

Responsabile: Mirko Giarrusso

La commissione n 4 “Lavoro Precario e sportello per infermieri disoccupati e/o precari”, si occupa di ricercare informazioni e occasioni di lavoro per tutti i colleghi che attualmente non hanno ancora trovato una collocazione nel mondo del lavoro.

Tramite gli strumenti di divulgazione mediatici, informa gli iscritti su concorsi, bandi ecc, sia su base nazionale che regionale.

email: sportellolavoro@ipasvipo.it 

 

Commissione 5 – Programmazione e individuazione corsi ECM:

Responsabili: Salvatore Tomaselli, Tiziana Varocchi

La commissione n°5 “programmazione e individuazione corsi ecm” si occupa di ricercare, mettere a conoscenza e creare eventi formativi per i colleghi iscritti al collegio.

Il rapido e continuo sviluppo della medicina ed, in generale, delle conoscenze biomediche, nonché l’accrescersi continuo delle innovazioni sia tecnologiche che organizzative, rendono sempre più difficile per il singolo operatore della sanità mantenere queste tre caratteristiche al massimo livello: in altre parole mantenersi “aggiornato e competente”.

Partecipare ai programmi di E.M.C. è un dovere degli operatori della Sanità, richiamato anche dal codice deontologico, ma è anche – naturalmente – un diritto dei cittadini, che giustamente richiedono operatori attenti, aggiornati e sensibili. Ciò è oggi particolarmente importante ove si pensi che il cittadino è sempre più informato sulle possibilità della medicina di rispondere, oltre che a domande di cura, a domande più complessive di salute.

Un’altro importante compito della commissione n°5 è quello di controllare la banca dati del cogeaps per ogni singolo iscritto.

email: formazione@ipasvipo.it